Webranking 2017: Ferrovie, Anas e Sisal, campioni di trasparenza

Immagine di Webranking 2017: Ferrovie, Anas e Sisal, campioni di trasparenza

Il calo della fiducia e le crescenti richieste dei clienti verso le imprese spingono la trasparenza sul digitale. Questo è emerso dalla quarta edizione della ricerca Webranking dedicata alle maggiori società non quotate in Italia, pubblicata il 20 novembre.

Webranking è la ricerca più riconosciuta in Europa per la valutazione della trasparenza e dell’efficacia della comunicazione corporate sui canali digitali. La ricerca è realizzata da Lundquist in collaborazione con la società svedese Comprend. Quest’anno sono state considerate 77 grandi aziende non quotate in Italia (erano 62 lo scorso anno). A livello internazionale sono state valutate oltre 800 società quotate.

Al primo posto quest’anno troviamo Ferrovie seguita a pari merito da Anas e Sisal mentre Sace scende al quarto. La conquista delle prime posizioni da parte di imprese a controllo pubblico (Ferrovie, Anas e Sace) testimonia la fortissima attenzione alla trasparenza digitale da parte dello “Stato azionista”.

Dalla prima edizione della ricerca dedicata alle aziende non quotate si è registrato un continuo miglioramento delle performance delle aziende italiane. Anche guardando ai best improver, vale a dire le società che hanno aumentato maggiormente il loro punteggio, si nota un cambio di passo. Ilva, Anas, Sisal e Ferrovie dello Stato sono migliorate di oltre 20 punti.

Questa crescente importanza della comunicazione corporate sul digitale è dovuta al mutato contesto in cui le aziende operano. Il calo della fiducia verso istituzioni e imprese, unito alla crescente importanza degli impatti sociali e ambientali delle aziende per i consumatori e gli investitori, stanno influenzando la comunicazione corporate: gli stakeholder chiedono una sempre maggiore trasparenza e le aziende si mostrano più disponibili all’apertura.

“La trasparenza, soprattutto sul digitale, non è un obbligo di legge ma diventa un modo per rispondere alle crescenti richiesti dei propri interlocutori, in primis i clienti e per differenziarsi in un mercato sempre più competitivo”, afferma Sara Rusconi, Content Strategist e Partner Lundquist

Trasparenza sul digitale in continua crescita: forte diminuzione di aziende bocciate

Poiché i criteri della ricerca derivano dalle esigenze degli stakeholder, si può considerare la metà del punteggio massimo (40 punti su 80) la soglia minima per soddisfare le loro aspettative. La ricerca Webranking può essere considerato come uno stress test della trasparenza delle aziende e dell’apertura sui canali digitali.

Rispetto allo scorso anno non solo sono raddoppiate le società promosse (il 13% del campione contro il 6%) ma soprattutto sono fortemente diminuite le bocciate che non soddisfano i requisiti minimi (40% control il 63%).

Quasi tutte le aziende hanno migliorato le performance rispetto allo scorso anno e questo ha portato a una crescita del punteggio medio, dal 27% del punteggio massimo l’anno scorso al 34% oggi, nonostante il campione sia passato da 62 a 77 aziende.

1

Tra i settori rappresentati nella ricerca Non-Listed, sono i settori delle infrastrutture e quello finanziario che ottengono la migliore performance. Le aziende a partecipazione pubblica come Ferrovie dello Stato, Anas, e SEA che portano avanti la media di questo settore, come SACE del settore finanziario e GSE del settore energetico, sono soggetto ad uno standard più alto di trasparenza proprio perché sono pubbliche.

Tre risultati chiave della ricerca Webranking delle società non quotate in Italia

1. Trasparenza significa raccontare non solo prodotti ma anche l’azienda
La digitalizzazione, la globalizzazione e il cambiamento climatico stanno portando evoluzioni repentine nei consumi, negli stili di vita e a un profondo calo di fiducia nei confronti di istituzioni e imprese. Essere trasparenti verso i propri clienti e business partner, possibili investitori e il mondo dei media è un’occasione per differenziarsi e costruire la propria reputazione in un contesto di mercato sempre più competitivo.

2. Etica e sostenibilità: la sfida di distinguersi e di guadagnare la fiducia
Crescente attenzione da parte di consumatori e investitori per gli impatti di natura sociale e ambientale, nuova direttiva sulla trasparenza non finanziaria, avvento dei Sustainable Development Goals, crescita dell’Integrated Reporting (e Integrated Thinking) sono tra le tante novità in tema di sostenibilità degli ultimi anni, che richiedono a ciascuna azienda di formulare risposte. Tuttavia, solo una società su tre presenta sul sito un bilancio di sostenibilità, dato in linea con lo scorso anno.

“Per la sostenibilità, il digitale non è più un semplice ‘canale’ tra i tanti, spesso secondario, ma la leva strategica di dialogo e confronto con il mondo esterno. Per questo categorie tradizionali di sostenibilità, come reportistica, stakeholder engagement e comunicazione tendono a sovrapporsi e a integrarsi, diventando una cosa sola”, sostiene James Osborne, head of sustainability, Lundquist. 

3. Comunicazione digitale, una chiave per distinguersi
Il mondo digitale è ormai alle prese con una overdose di informazioni. Per conquistare visibilità e credibilità, le aziende devono sapersi distinguere. Per fare questo, dati e informazioni
devono essere contestualizzati e narrati sfruttando gli strumenti digitali.

“Quando si lancia un nuovo sito è importante non seguire le mode e le ultime innovazioni tecnologiche ma dedicare sufficiente tempo alla definizione di una content strategy che definisca obiettivi e messaggi chiave. Il rischio altrimenti è di fare un investimento con scarsi risultati”, conclude Caroline Becker, responsabile della ricerca Webranking Italia.

Fonte: FERPI.it

 

 

2

Edi Florian

Via Paganini 22 - 31048 San Biagio di Callalta (TV)

Cell. +39 349 1749697

E-mail: edi.florian@ediflorian.com

Skype: floedi2006

HAI DELLE DOMANDE

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 196/2003 e ex artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679

I dati conferiti con la compilazione del presente modulo saranno oggetto di trattamento cartaceo ed informatizzato. I suoi dati saranno utilizzati esclusivamente per poter rispondere alla Sua richiesta. Il conferimento dei dati e il consenso al trattamento è obbligatorio, la sua mancanza comporterà l’impossibilità di dare esecuzione alla prestazione. e commerciale. Titolare del trattamento è EDI FLORIAN a cui potrà rivolgersi per l’esercizio dei diritti di cui all’art 7 D.lgs. 196/2003 ex artt. 15-22 Reg.to UE 2016/679. Per la visione dell’informativa completa si rimanda a questo link.

Dichiaro di aver letto e compreso l'informativa di cui all’art 13 D.lgs. 196/2003 e ex artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679 e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.